FIRMA LA PETIZIONE

AIUTACI a salvare gli Ulivi e a fermare gli abbattimenti. Firma e diffondi questa petizione in difesa del territorio pugliese e del futuro di tutti. GRAZIE!

PROTEGGI LA TUA TERRA

Non usare pesticidi né veleni. Scarica il logo “Io non avveleno la mia Terra”. Informati sulle alternative, difendi le api e prenditi cura del nostro ecosistema.

GUARDA IL TG DI ULIVIVO

Diamo voce ai nostri ulivi, raccontiamo ciò che nel silenzio generale sta succedendo al nostro territorio, con il pretesto della cosiddetta emergenza Xylella.

SOSTIENI LE AZIONI LEGALI

Aiutaci con una donazione a sostenere un’azione legale popolare per difendere la Terra di Puglia e i suoi Ulivi plurisecolari e millenari minacciati di distruzione.

Ulivivo: TG exTraverGine

In un silenzio assordante, in Puglia, la campagna di espianti di ulivi, spesso millenari e sanissimi, sta procedendo a ritmi vertiginosi, sradicando con essi la nostra identità e le nostre tradizioni, distruggendo paesaggio ed ecosistemi, in nome di una sbandierata Emergenza Xylella. Questo TG nasce dall’esigenza di dare voce ai nostri ulivi e di tutelare il nostro territorio, con un’informazione chiara, dettagliata e trasparente su quanto sta accadendo.

TG exTraverGine - il notiziario degli ulivi di Puglia -

Altri video

Salviamo gli ulivi di Puglia: FIRMA LA PETIZIONE

AIUTACI a salvare gli Ulivi firmando e diffondendo questa petizione. GRAZIE, Comitato UliVivo www.ulivivo.it

CHIEDIAMO alla Regione Puglia:

  • Lo stop agli abbattimenti degli ulivi, perché gli ulivi si possono e si DEVONO curare;
  • La rimodulazione dei finanziamenti stanziati per gli abbattimenti e per i reimpianti di varietà non autoctone, a favore della diffusione e applicazione dei protocolli di cura degli ulivi.

ADERISCI ALLA CAMPAGNA "IO NON AVVELENO LA MIA TERRA"

La Regione Puglia obbliga i suoi cittadini ad avvelenare la Terra con trattamenti altamente pericolosi,  imponendo l’uso di insetticidi tossico-nocivi (acetamiprid, fosmet, spinetoram e deltametrina) da utilizzare contro la sputacchina.

Questo implica che le aziende biologiche che ricadono nei Comuni di Canosa, Monopoli, Polignano, Castellana G., Noci, Locorotondo, Fasano, Martina Franca, Crispiano, Statte, Mottola, Massafra non potranno vendere il loro prodotto come biologico (contrariamente a quelle ricadenti nei Comuni dove non vige tale obbligo, compreso quelli limitrofi).

IO MI RIFIUTO! E aderisco alla CAMPAGNA DISOBBEDISCI-DENUNCIA-PARTECIPA!

Scarica il volantino, fai girare l’informazione!

SCEGLI L'IMMAGINE CHE PREFERISCI, STAMPALA E ATTACCALA DOVE VUOI!

SOSTIENICI!

Aiutaci con una donazione a sostenere un’azione legale popolare per difendere la Terra di Puglia e i suoi Ulivi plurisecolari e millenari minacciati di distruzione, insieme al paesaggio, all’ambiente, all’economia locale, alla cultura e a una sotira che ci tocca tutti molto da vicino.

RESTIAMO IN CONTATTO!